Intelligenza artificiale ed efficienza

Intelligenza artificiale ed efficienza

Dov’è l’essere umano?

 

Negli ultimi articoli abbiamo parlato di cyborg, soggettività a metà strada tra esseri umani e robot, e di un argomento tanto scomodo: il fallimento. Come possiamo salvarci da un percorso umanamente fallimentare che rischia di intraprendere lo sviluppo dell’intelligenza artificiale?

Vorremmo portare alla vostra attenzione un argomento di cui forse non abbiamo mai parlato esplicitamente, ma che certamente si può rintracciare tra le righe delle nostre riflessioni.

Nella questione dello sviluppo dell’Intelligenza artificiale, nel nostro Paese, si affrontano temi quali: l’efficienza, la riduzione dei posti di lavoro, la digitalizzazione delle imprese, etc…

Tutto è orientato allo sviluppo della società industriale, poco, o nulla, verso quello della società umana.

Dove è finito l’essere umano in tutto questo processo? Possiamo parlare solo di efficienza e di ottimizzazione dei tempi e degli spazi lavorativi?

Il discorso si fa particolarmente preoccupante se, per affrontare un tema relativo a un cambiamento sociale, ci si dimentica di trattare la questione relativa alla maggiore componente di questa società: i soggetti umani.

Ci si occupa delle macchine, dei robot, ma l’essere umano? A che punto è nelle nostre riflessioni?

Per MIPU vuole essere al centro. Noi riteniamo che all’interno dei corsi di laurea, dei master, delle attività formative che si occupano di DATI dalle diverse prospettive che richiede la materia, sia necessario sviluppare dei piani di studio umanistici che aiutino a comprendere la centralità dell’essere umano nei processi organizzativi e aziendali.

Solo avendo uno sguardo d’insieme sull’essere umano e sull’ambiente in cui ci inseriamo nel nostro presente, è possibile fare innovazione creando un percorso costruttivo nell’ottica del miglioramento sociale.

Continuiamo a chiederci da dove partire, e noi crediamo sia necessario farlo da sé. Cosa riteniamo irrinunciabile per la dignità delle nostre esistenze? Cosa non potrà mai essere rimpiazzato? Pensiamoci e proviamo a dare una risposta nei prossimi articoli.

Continuate a seguirci, ogni venerdì un nuovo pezzo, iscriviti alla newsletter. Ti manderemo un avviso appena ci sarà la nuova pubblicazione!

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.