Intelligenza Artificiale e pubblica amministrazione

Intelligenza Artificiale e pubblica amministrazione

Prevenire le disuguaglianze

 

Continuiamo parlando di Intelligenza Artificiale e delle sue possibili applicazioni.

Il mese scorso Giulia Baccarin è stata ospite di un convegno organizzato da Agid e Meet the Media Guru che aveva come tema il rapporto tra Intelligenza Artificiale e pubblica amministrazione. L’obiettivo dell’incontro era presentare il libro bianco, un documento denso ed importante che la Task Force per l’Intelligenza Artificiale ha concepito con il preciso intento di avvicinare cittadini e pubblica amministrazione alle opportunità derivanti dall’applicazione dell’AI.

Tra le proposte lanciate all’interno del libro, Giulia Baccarin ha raccolto la sfida numero 7: Prevenire le disuguaglianze.

 

Nel suo intervento, Baccarin è partita da un caso reale. Due cittadini, che per comodità chiamiamo Antonio e Maria, vivono l’uno nella città ALFA e l’altra nella città BETA. Antonio, come tutti i cittadini di ALFA, può con semplicità accedere ai dati da lui prodotti; così facendo, riesce ad esempio a prevedere il fabbisogno di acqua potabile in una zona della città e ad intercettare in tempo reale falle o frodi nella rete di distribuzione.

Al contrario, Maria, pur producendo gli stessi dati di Antonio, non è in grado di accedervi.  Nel suo discorso Giulia Baccarin dimostra come oggi la discrepanza nell’accesso al dato si traduce immediatamente in discrepanza nella qualità di vita. Chi non può accedere ai dati – per cattiva tecnologia, per mancanza di competenza, perché semplicemente non si è posto il problema – è di fatto discriminato. L’art. 3 della nostra Costituzione recita che “è compito della Repubblica debellare ogni ostacolo per garantire uguaglianza e pari trattamento dei cittadini e delle cittadine”; nell’era della datocrazia dobbiamo estendere le categorie a rischio di emarginazione a tutti coloro che sono esclusi dall’accesso ai dati, specialmente a quelli da loro stessi prodotti.

 

Continuate a seguirci per approfondire la questione.

Ogni venerdì una nuova uscita, per essere sicuro di non perderti il prossimo articolo, iscriviti alla newsletter: ti manderemo un avviso appena ci sarà la nuova pubblicazione!

106 Comments

Post A Comment